Customer Login

Lost password?

View your shopping cart

Chi è l'anticristo

Autore: A.M. KING,

Autore: Arcangelo Miranda,

Autore: Conte di Saint-Germain

CHI È L’ANTICRISTO – era semplicemente molto ben nascosto (cofanetto 2 libri)

Diciamo che non è mai troppo tardi per sapere chi è l’anticristo, colui che per secoli è sfuggito ad ogni identificazione. In questo lavoro ne sarà rivelata l’identità e il metodo su come uscire dalla sua millenaria trappola: the matrix.
2 libri euro 56 (33+23 euro)

Condividi verso i tuoi amici:

StumbleUponEmail

Puoi acquistare questo prodotto su:

Acquista su Idealandia
Acquista su Giardino dei libri

La stampa del primo dei due libri è prevista per il 2020.
Per essere avvisato della pubblicazione di questo ed altri titoli, chiedi di essere avvisato da questo modulo

CHI È L’ANTICRISTO-era semplicemente molto ben nascosto è un cofanetto composto da due libri:

1 – L’ANTICRISTO: era semplicemente molto ben nascosto (euro 33)

2 . IO SONO RELOADED: 100 anni dopo (euro 23)

il secondo libro è quello che uscirà per primo.

IL COFANETTO

cofanetto CHI è L'ANTICRISTO

Il cofanetto dal titolo CHI È L’ANTICRISTO era semplicemente molto ben nascosto è un cofano del tesoro per qualsiasi tpo di ricercatore della verità; i due libri che contiene sradicano alla radice la fonte primaria dell’aberrazione umana, identificano l’Anticristo e ti mettono sulla strada della vita eterna a seguito del riconoscimento della propria natura in quanto potente e meraviglioso essere spirituale. Si tratta di una “collaborazione” di autori, Arcangelo Miranda di A.M. King e del Conte di Saint-Germain.

Questi alcuni dei punti che affronteranno i due libri:

  1. Chi è l’Anticristo (risposta nel volume 1)
  2. Perché nessuno ha mai scoperto chi è l’Anticristo (risposta nel volume 1)
  3. Quali sono gli errori del famoso testo IO SONO? (risposta nel volume 2)
  4. Chi ha davvero scritto l’IO SONO? (risposta nel volume 2)
  5. Perché le autorità ecclesiastiche non hanno paura della punizione divina (risposta nel volume 1)
  6. Perchè la politica non potrebbe far presa senza la religione (risposta nel volume 1)
  7. Perché la religione è l’oppio dei popoli? (risposta nel volume 1)
  8. Perché è pericoloso recitare IO SONO DIO”? (risposta nel volume 2)
  9. Quali sono gli errori del libro IO SONO? (risposta nel volume 2)
  10. IO SONO è stato davvero scritto nel 1930 sul monte Shasta in California? (risposta nel volume 2)
  11. Chi ha detto che IO SONO è stayo scritto dal Conte di Saint-Germain? (risposta nel volume 2)
  12. Chi è davvero il Conte di Saint-Germain? (risposta nel volume 2)
  13. Perchè IO SONO non è una canalizzazione? (risposta nel volume 2)
  14. Sapevi che la conoscenza indiana detta ADVAITA VEDANTA è la base su cui è scritto IO SONO? (risposta nel volume 2)
  15. Come fanno i giornali a falsificare i “numeri” che vengono ascritti al Papa (risposta nel volume 1)
  16. Perché siamo nati per credere? (risposta nel volume 1)
  17. Qual è il vero titolo di IO SONO? (risposta nel volume 2)
  18. Che differenza c’è tra IO SONO e L’IO SONO? (risposta nel volume 2)
  19. Ma IO SONO chi è? (risposta nel volume 2)
  20. Perché ci sono due Saint-Germain? Chi è quello vero? (risposta nel volume 2)
  21. Qual è la base di tutte le aberrazioni dell’uomo? (risposta nel volume 1)

ed altre mille incredibili informazioni necessarie alla tua vita eterna e che possono smontare la tua matrix, perché tutto è iniziato nella tua mente: capisci ora perché le copertine hanno come sfondo la trama di THE MATRIX?

Di seguito le presentazioni dei due libri.

LIBRO 1

parte 1 CHI è L'ANTICRISTO

L’Anticristo era semplicemente molto ben nascosto

Sono migliaia di anni che si parla dell’Anticristo, ma è sempre sfuggito a tutte le possibili identificazioni.

Eppure c’è un motivo: se è tanto importante deve anche essere tremendamente abile nel nascondersi. Sì, tanto abile che, nei secoli, personaggi di dubbia moralità tipo Hitler, Federico II di Svevia, Ludovico di Sicilia ed altri sono stati assoggettati all’Anticristo.

Anche Nostradamus profetizza, ma erroneamente, di tre anticristo. Uno era Napoleone Bonaparte, l’altro è stato identificato nello stesso Hitler e un terzo ancora a venire che si dice dovrebbe essere colui che distruggerà la Chiesa di Roma. Con la lettura di questo libro vedrete che o Nostradamus ha sbagliato oppure è stato interpretato male. L’Anticristo non è nessuno di questi personaggi, ma è molto più subdolo e cattivo. Tanto cattivo che se tutti questi personaggi immondi appena citati venissero messi insieme, la loro malvagità sarebbe pari a quella di un neonato.

La croce al contrario vuole significare che questo libro portarà ad un capovolgimento delle credenze legate alla religione; non dire che “le religioni non hanno effetto su di me”; leggendo questi libri ti renderai conto perché anche tu sei in trappola delle credenze religiose.

L’autore, Arcangelo Miranda, ti porterà per mano verso le verità più incredibili che le tue orecchie possano ascoltare o che i tuoi occhi possano leggere.

E ora chiediamocelo di nuovo: Chi è l’Anticristo?

LIBRO 2

parte 2 IO SONO reloaded 100 anni dopo

IO SONO reloaded 100 anni dopo

Solo A.M.King avrebbe potuto revisionare quello che è forse il più leggendario testo di spiritualità che esiste; certamente non è possibile conteggiare quanti milioni di copie sono state stampate in 100 anni di esistenza. Tuttavia Arcangelo Miranda e A.M. King hanno dovuto decidere se per un libro che, a suo tempo, era stato utile per abbattere il “muro di Berlino” fosse venuto il momento di rifargli il trucco.

Anche troppe persone erano andate fuori di testa a causa dell’errore della recitazione sulla frase SII CALMO! E SAPPI: IO SONO DIO: avevano accresciuto il proprio ego al punto di essere diveuite pazze (narcisiste) senza cbiaramente accorgesene. E che dire del “vecchio” linguaggio dell’IO SONO che gli editori continuano a propinare ai propri lettori? 15 anni fa, nella sua TRILOGIA DELL’IO SONO Arcangelo Miranda ha cercato di dare qualche spunto di riflessione sulla situazione della frase SII CALMO! E SAPPI: IO SONO DIO, ma abbiamo notato che praticamente nessuno ha percepito il suggerimento. Era quindi venuto il momento di revisionare il leggendario libro IO SONO.

In questo libro c’è una biografia unica al mondo sul Conte di Saint-Germain.

Questo volume 2 è a cura di Arcangelo Miranda.

C’era una volta…

Praticamente tutte le fiabe iniziano così. Ciò che questo l’Autore del libro si augura è che alle rivelazioni contenute, in futuro si possa parlare anche questo personaggio come “C’era una volta l’Anticristo” e che, rivelato, non angosci più gli animi delle persone oneste affinché la fiaba possa terminare con “E vissero tutti felici e contenti”.

Tuttavia c’è un problema: l’Autore Arcangelo Miranda ha già rivelato tutto, seppur in modo nascosto (per motivi di pubblicazione) nel suo libro IO SONO ME quando parlava del Terzo e del Quinto Specchio Esseno. Di fatto religioni e governi si basano sul fatto che esiste l’Anticristo. Quando capirete chi è l’Anticristo sarete liberi di essere e potete dare libera espressione alla vostra vera natura che era, è e sarà sempre amore per il creato.

Morale ed etica

Sui temi morale ed etica c’è da sempre molta confusione. La morale è una serie di precetti che la società – il gruppo – promulga al fine di sopravvivere. E’ una sorta di raccolta delle cose passate che hanno dato il miglior risultato per la sopravvivenza del gruppo. L’etica è cosa ben diversa: la parola etica ha le sue radici nel termine greco ethos=divino. L’espressione dell’etica comprende automaticamente il rispetto della legge, della morale.

Colui che si esprime eticamente, di fatto non ha neanche bisogno di conoscere le leggi di quel posto. E’ nella sua natura il rispetto delle cose del luogo. Un individuo etico è l’unico a cui non si applica il principio che “la legge non ammette ignoranza”. Infatti egli conosce la legge pur non avendola mai conosciuta. Questo significa essere superiori alla legge, non significa essere anarchici e libertini così come fa comodo a tanti pensarlo!!!!

Ciò che si è sperimentato è che una persona con uno spiccato senso etica non ha bisogno di essere guidato. Le sue scelte sono sempre adatte al contesto in cui si trova. Invece più una persona è introvertita, più ha bisogno di essere guidata per non essere di danno a se stessa e agli altri.

Un esempio di etica e di morale

Prendiamo l’esempio di Mosè quando scende dal Monte Sinai con le Tavole della Legge. Per quanto leggendario (l’autore non crede affatto che sia davvero accaduto in quel contesto in quanto la stessa storia di Mosè è presenta in circa 110 popolazioni diverse nel mondo) tale racconto è certamente molto esplicativo.

Quindi, non credendo a nulla di ciò che è scritto nella bibbia, usiamo tale passaggio solo a termine di esempio. In Esodo capitolo 32 versetto 15 in poi è scritto:

Mosè ritornò e scese dalla montagna con in mano le due tavole della Testimonianza, tavole scritte sui due lati, da una parte e dall’altra… [ma] quando si fu avvicinato all’accampamento, vide il vitello e le danze. Allora si accese l’ira di Mosè: egli scagliò dalle mani le tavole e le spezzò ai piedi della montagna.

Quindi, a parte Mosè, mai nessuno ha saputo cosa ci fosse scritto su quelle Tavole.  Secondo l’Autore, poiché si parla di testimonianza, Mosè raccontava cosa aveva scritto e visto in un elevato stato di coscienza. Non c’era l’intromissione di alcun dio esterno. Ma questa intuizione la si scopre in un altro libro dell’autore, Vangelo del Re. Fatto sta che Mosè ritenne che quegli insegnamenti erano precetti di tipo etico, suggerimenti che solo persone elevate possono usare, ma che in mano a dei selvaggi avrebbero prodotto l’estinzione della Società. Fu per questo che Mosè spacco le prime Tavole e un po’ più avanti nel racconto, al capitolo 34 versetto 29 è poi scritto che di nuovo Mosè dal Monte Sinai scese con in mano le Tavole dei Dieci Comandamenti:

Mosè scese dal monte Sinai. Teneva in mano le due tavole su cui erano scritti gli insegnamenti…

un elenco di leggi, comandi, che dovevano bloccare gli israeliti che si erano addirittura costruito un Vitello d’oro pagano a mo’ di religione pagana, cosa gravissima per il culto giudaico. Notare bene: le prime Tavole contenevano le testimonianze, le seconde gli insegnamenti poiché Mosè ormai sapeva che era necessario applicare delle redini strette ad un popolo poco saggio e molto autodistruttivo.

Educazione e cultura

Così come esiste confusione tra etica e morale, ne regna una altrettanto grave tra educazione e cultura. Infatti la cultura è intesa come metodo contrario all’educazione.

Fino a qualche centinaio di anni fa era d’uso comune che le famiglie di un certo rango avessero un educatore. Educare significa elevare. Un educatore è in grado di tirare fuori il meglio di te. La voce interiore non ha preferenza tra un laureato, un ricco o un barbone. Essa preme come richiesta di manifestazione divina, per cui ogni cosa può essere espressa dal divino che è in noi. Qualcuno potrà essere ispirato a mettere su una pizzeria, qualcun altro a scrivere una sinfonia. La più alta forma di ispirazione è l’art. Una nazione senz’arte è una territorio morto, una landa desolata. Mi sono accorto che nei paesi dove un’espressione d’arte quale la musica rock è assente, il livello di civiltà è vicino allo zero.

Certamente non possiamo dire che nel mondo occidentale siamo chissà quanto civili. Abbiamo una qualità della vita davvero non da pubblicizzare, ma certamente altrove stanno peggio. Diciamo che dove Rolling Stones, Beatles, Deep Purple, Led Zeppelin e simili sono ancora negati o sono stati negati, le condizioni non sono delle migliori e le leggi devono essere molto stringenti.

Lo devono essere se no la gente potrebbe esprimersi. In genere parliamo di dittature, spesso religiose, lì dove non è passato il comunismo con i danni che ha fatto.

Ma andiamo avanti. Se si riesce a far divenire abile una persona ad esprimere se stessa, essa diviene felice di esistere. Conseguentemente tutte le sue azioni saranno indirizzate al maggioro bene per sé  e tutto ciò che la circonda.

Quindi quando ci sono molte leggi (in Italia ci sono 150.000 leggi, in Germania 5.000) la creatività viene soppressa. Le leggi infatti costringono la persona a vivere in difesa. Se ti stai difendendo, non puoi espanderti, questo è anche un principio di biologia (vedi La Biologia delle credenze – Bruce Lipton).

… e di conseguenza

La conclusione prospettata dall’Autore, con le prove a riguardo, è che la morale sociale poggia le sue basi sulla religione e che tutto l’ambaradan è gestito dall’Anticristo. Venire a conoscenza del nome del cognome dell’Anticristo e del meccanismo con cui opera, porta a sconfiggerlo.

Di conseguenza l’architettura di un tempo rappresenta una sorta di associazione per delinquere. In questo contesto delinquere è sinonimo di bloccare le persone. Infatti è un classico copione architettonico quello di vedere nella piazza del paese le tre autorità; il palazzo del comune, il palazzo del governo (prefettura) e quello della chiesa. In questo modo, ogni giorno, l’autorità esterna viene confermata. Allo stesso modo di quello scandaloso (per l’Autore) Cristo di Rio de Janeiro che da sopra il monte tutto vede e provvede.

Come detto prima, qualche anno fa Arcangelo Miranda aveva già descritto nascostamente tutto ciò: ne ha parlato nel suo libro IO SONO ME – I sette specchi esseni nella sezione del Terzo e del Quinto specchio: a buon intenditor poche parole.

Per la prima volta nella storia in questo libro ne viene rivelato il nome e, ti assicuriamo, non è un testo per i deboli di cuore anche se, nel profondo del tuo cuore, posso assicurarti che hai sempre saputo chi è l’Anticristo.

La lettura di questi libri farà cambiare totalmente e per sempre la tua vita.IO

Dettagli del prodotto

    No detail information

Qualcosa di più sull'autore

Author

A. M. King è descrivibile come un misterioso e tra i più grandi filosofi contemporanei. Per sua ferma decisione King ha deciso di rimanere anonimo. In varie arti ricorre spesso il cognome King, ma in questo caso è interessante accostarlo a quello di G.R. King, l’americano che nel 1930 ricevette, presumibilmente dal Conte di Saint-Germain, il famoso testo VITA IMPERSONALE, meglio conosciuto come IO SONO sul Monte Shasta in California. Infatti, la sua creazione è un testo dal titolo IO SONO DIO da cui risulta che siamo in presenza di un Essere di immense conoscenze su cosmogonia e padronanza della realtà; probabilmente abbiamo a che fare con un altro Maestro Asceso della Fratellanza Bianca. Rilevanti sono le parti a sua firma nel libro LIFE I SEGRETI DELLA GHIANDOLA PINEALE. Chi lo conosce uso per A.M. King quella parole che vennero incise sotto il quadro del Conte di Saint-Germain che dicono "Se non è Dio egli stesso, un dio possente lo ispira".

Author

Arcangelo Miranda è della classe 1964, nonostante non si conosca realmente la data e l'ora della sua nascita. Esperto in elettronica, robotica e in psicologia sociale, afferma di aver vissuto esperienze non comuni che lo hanno portato ad ottenere delle conoscenze particolari. Infatti egli dice che in qualche modo ha ripristinato il collegamento con la memoria akashica, quel grappolo di consapevolezza universale in cui tutte le conoscenze umane sono convogliate e raccolte. Proprio questo genere di abilità, unitamente ad una grande capacità intuitiva, i suoi scritti parlano per lui. Normalmente qualsiasi persona è convinta di ciò che dice, ma Arcangelo Miranda invita semplicemente alla lettura dei suo libri per rendersi conto che i suoi scritti non provengono da un normale sapere umano. Nei suoi libri spazia tra conoscenze endocrine, neurologiche, di alimentazione, meccanica quantistica, fisiologia ed alchimia. Egli afferma che chiunque può collegarsi alla sua guida, il vero se stesso interiore, per rendere la propria vita speciale e diversa. Attualmente è scrittore, editore, imprenditore e ricercatore "indipendente" su argomenti di frontiera.

Author

Nonostante la mancanza dei mass media, a partire dal 1750 farà ben presto il giro d'Europa il nome Conte di Saint-Germain, a tutti gli effetti l’uomo del mistero. Chi era, veramente, il Conte di Saint-Germain? Che cosa fece nella sua vita? Quando nacque? Quando morì? Si chiamava davvero Conte di Saint-Germain? Qualsiasi tentativo di dare una collocazione anagrafica a Saint-Germain è impossibile e sbagliata: Saint-Germain è un Essere Asceso che non ha bisogno di nascere da ventre di donna poiché ha acquisito l’abilità di non essere più soggetto né alla ruota della nascita-morte né allo spazio-tempo. Quindi tutti i tentativi di collocarlo in qualche famiglia o in qualche luogo sono necessariamente errati. Se è vero che egli, nella vita in cui ebbe la realizzazione dell’Essere fu Francesco Bacone, allora già in quella vita egli divenne immortale ed inscenò la sua morte per ritornare qualche anno dopo, dal nulla, come Conte di Saint-Germain. Del suo aspetto fisico Charles Henri, barone di Gleichen, lo descrive così: "...un uomo di taglia media, assai robusto, vestito con semplicità magnifica e ricercata...". Le cronache del tempo lo ricordano che aveva fronte spaziosa, occhi penetranti, statura media e forme aggraziate. Voltaire parlò di lui, incontratolo per la seconda volta dopo trenta anni, come l’uomo che non è invecchiato di un giorno e che dimostra sempre 40 anni. Giacomo Casanova, famoso per le sue peripezie sentimentali, fu affascinato dal Conte di Saint-Germain e, massone egli stesso, si disse convinto che il Conte possedeva vaste conoscenze in campo occultistico. Giacomo Casanova ci descrive nelle Memoires, di un incontro con il Conte nel salotto della marchesa d'Urfè a Parigi, nel 1758. L'avventuriero veneziano, all'epoca già Massone e direttore delle Lotterie Reali francesi, si dichiara affascinato dai modi, dallo sfarzo e dalle conoscenze del Conte in campo occultistico. Il Conte viene descritto da Casanova come un uomo eccezionale, capace di tramutare in oro i metalli vili e maestro nell'arte alchemica di fabbricare i diamanti, tanto da usarli come bottoni. Si narra che ne abbia fabbricato uno preziosissimo per Luigi XIV. Scrisse di lui: "Quest'uomo straordinario, re degli impostori e dei ciarlatani, affermava con la massima serietà di avere trecento anni, di conoscere il segreto della medicina universale, di essere signore dei quattro elementi e di essere in grado di fondere i diamanti". La cortigiana Pompadour ne è magnetizzata al pari delle altre dame di corte e nemmeno re Luigi XV ed un numero imprecisabile di suoi cortigiani non è esente dall'esserne attratto. Horace Walpole che lo descrive nei suoi Commentari come uno strano individuo che canta e suona il violino meravigliosamente, ma che è sicuramente pazzo. Secondo Casanova e secondo altri storici più scrupolosi, tra cui proprio Sir Horace Walpole e lo scrittore francese Henri Chacornac, il Conte di Saint-Germain parlava francese, inglese, spagnolo, portoghese, italiano, tedesco, ebraico, arabo e latino. Qualche altra fonte meno seria aggiunge anche il sanscrito a queste lingue. La teosofa Annie Besant sosteneva che il conte era stato conosciuto in passato con molti altri nomi, nel XIV secolo si faceva chiamare Christian Rosenkreuz, aveva trascorso la sua lunga vita (106 anni) in oriente alla ricerca della saggezza occulta, ed aveva fondato una società segreta chiamata "La fratellanza della Rosa Croce". Ricomparve successivamente con il nome di Hunyadi, quindi di "Fratello Robert", nel XVI secolo era noto come Francis Bacon e quindi Saint Germain. Successivamente fu rivisto molte altre volte, ma sembre con lo stesso aspetto. Nel 1765 una vecchia contessa lo incontrò a Bruxelles dopo averlo conosciuto da bambina a Venezia all'inizio del secolo, ma il suo aspetto appariva immutato. Nel 1798 era conosciuto a Vienna come der Amerikaner, per il suo lungo soggiorno in America. Saint-Germain viaggerà in tutta Europa in quanto inviato della Fratellanza Bianca, una organizzazione di Maestri Ascesi che opera per il bene dell’universo; a seconda delle necessità si farà chiamare spesso con altri nomi, come "Conte di Bellamye", "Marchese del Monferrato", "Conte di Weldone", "Marchese di Aymar", "Cavaliere di Schoening", "Conte di Soltikof", "Conte di Surmont", solo per citarne alcuni. Aveva una cultura sbalorditiva, che spaziava in svariati campi del sapere: non esisteva, pare, lingua, antica o moderna, al di fuori della sua conoscenza; la storia sembrava non avesse segreti per lui e, in effetti, uno dei punti di forza del suo personaggio era l'affermazione di sapersi muovere a piacimento nel tempo essendo testimone "interattivo", diremmo oggi, degli eventi e degli uomini che vissero in secoli diversi. È storicamente provato che il Conte fosse compositore di musica ed eccellente violinista e le sue sonate, stampate dall'editore londinese Waish tra il 1748 e il 1760, furono apprezzate da Mozart e da Gluck; il successo che riscuoteva dai concerti era pari a quello di Paganini. Fu anche abile pittore, seppur privo di originalità artistica, ed ingegnoso chimico avendo elaborato centinaia di procedimenti industriali, per la tintura delle sete, per il cuoio, per la preparazione di oli ed essenze, oltre che per la cosmetica, arte in cui era considerato autore di ricette miracolose. Mentre alcuni lo considerano un grande uomo, "Il più grande sapiente che sia mai esistito", lo definì il landgravio di Hesse, altri lo odiarono profondamente come Casanova. Infatti quando era presente il Conte li ove era Casanova, le donne non erano più attratte dal fascino che quest’ultimo esercitava su di loro, bensì dalla conoscenza dell’immortalità che le donne speravano di poter conoscere dal Conte. Il Conte di Saint-Germain era anche alchimista: si pensò che egli fosse in grado di fabbricare l'oro e che avesse trovato la Pietra Filosofale e che fosse capace di purificare le perle; si dice che avesse sbalordito la corte di Francia per aver tolto una macchia ad una gemma di enorme valore rendendola "della più bell'acqua e aumentandone il valore da 6.000 a 10.000 franchi" del tempo, come leggiamo nei Commentari di Horace Walpole. Aveva conoscenze alchemiche, compresa la conoscenza della formula della pietra filosofale, della formula e dei riti per far resuscitare gli avvelenati dai funghi, della formula per far "aumentare di volume" le perle (si pensi che il procedimento per le perle artificiali è stato messo a punto nel 1913), per eliminare i difetti dei diamanti. Fu presentato a Luigi XV, il quale volle mettere alla prova le sue qualità paranormali, a lungo descrittegli da tutti i nobili della corte. Il re era rimasto impressionato da una storia ascoltata da bambino in cui un alchimista, un certo Dumas, era sparito dalla sua abitazione dopo aver ricevuto la visita di un omino nero su un vecchio ronzino ferito. Non solo il conte citò il nome dell'uomo, ma rivelò anche l'esatto indirizzo: rue de l'Hirondelle. Stimolato da Luigi XV, si concentrò ed aggiunse che il cadavere non si era mai trovato in quanto Dumas si era avvelenato nel laboratorio sotterraneo la cui unica entrata era una botola nascosta da alcune lastre mobili nei pressi dell'entrata. Poi si fermò, concludendo che potevano saperne di più solo i seguaci di Rosacroce, cosa che il re non era. Il giorno successivo fu riaperta un'inchiesta e tutto fu trovato come descritto. Nel 1760, il Conte di Saint-Germain concesse un'intervista ad un giornale londinese ma poi, poco a poco, perdiamo le sue tracce. Ma un aspetto, in particolare, dei presunti poteri del Conte di Saint-Germain colpì i suoi contemporanei: la capacità di non invecchiare. In quanto Essere Asceso aveva scoperto il segreto dell'eterna giovinezza per il semplice fatto che non era più un corpo soggetto al tempo. Fatto sta che Saint-Germain pareva non invecchiare mai: si presentava al pubblico a distanza di anni ed aveva sempre lo stesso aspetto di uomo sulla quarantina e fu così che si aggiunse al suo nome l'appellativo di "Immortale". Il Conte di Saint-Germain era affiliato all'ordine dei Rosacroce, un movimento iniziatico nato in Germania nel 1614 ed il nome da lui usato, Conte di Saint Germain, appunto, significa "Vomes Sanctae Fraternitatis", ovvero "Socio della Santa Fratellanza". Saint-Germain è ritenuto un Maestro Asceso, ossia è una di quelle persone che dopo una o più esperienze terrene, realizzano in sé la fusione tra materia e spirito ottenendo un "corpo di gloria" non più soggetto alle leggi di gravità e di morte. Sono di valore le sue vicende in Europa nel XVIII in pieno Illuminismo. Saint-Germain aveva tentato inutilmente di far uso della propria influenza sulle classi privilegiate e sui reali, al fine di ottenere delle concessioni e delle riforme che avrebbero impedito l’esplosione delle passioni popolari: qualora fosse stato accordato quanto richiesto e, di conseguenza, fossero migliorate le condizioni materiali del popolo, questa coazione, in qualche modo, avrebbe permesso ad alcune idee di essere propagate nella società e di aiutare parallelamente la sua riorganizzazione, dandole la base morale necessaria ad ogni collettività per ottenere una vita razionale ed armonica. Saint-Germain non riuscì, dunque, nel suo scopo e sparì senza che si sapesse dove andasse; ma non ha abbandonato il proposito di realizzare la sua opera anche nella nostra epoca che, nei suoi sconvolgimenti e nelle sue agitazioni, segna la fine di un ciclo e l’inizio di uno nuovo nell’attività umana. Non è un fatto straordinario che degli spiriti molto sviluppati, con una conoscenza completa delle leggi di natura, possano, in un certo periodo storico, manifestarsi pienamente agli occhi degli altri uomini.